formazione / campus
recruiting / talent
formazione / campus
recruiting / talent
Per maggiori informazioni: Scrivici una Mail
Campus / Formazione
Talent
© Copyright 2021 WinePeople. | Tutti i diritti riservati | P. Iva 04190470239 | Privacy policy - Cookie policy
Articoli di interesse

Problemi aziendali: il difficile dialogo tra manager e titolari

Siamo sempre pronti a individuare nell’altro le cause di una collaborazione non positiva o dell’assenza di risultati; ma la colpa è veramente sempre degli altri?

Editoriale di Lavinia Furlani

Quante volte, di fronte ad errori di collaboratori o a visioni discordanti di imprenditori, scattiamo senza trovare il giusto modo per dialogare?
A noi capita quotidianamente di ascoltare manager che si lamentano delle visioni (o non visioni) imprenditoriali dei titolari, e dall’altra parte di sentire titolari che vogliono cambiare collaboratori perché non portano i risultati attesi.

In queste circostanze, la sensazione è quella di assistere alle trame di due film diversi. L’azienda da un lato accusa il collaboratore di inconcludenza; da parte sua, il manager denuncia confusione strategica.
L’azienda vede poca proattività e poco dinamismo, mentre l’interessato pensa che l’azienda sia troppo rigida e non comprenda le difficoltà del mercato.
L’azienda si lamenta di aver speso soldi per niente, mentre il manager ritiene di essere sottopagato e che non venga adeguatamente riconosciuto il suo valore.
Che si riscontri solo una di queste problematiche oppure tutte insieme, il risultato non cambia: c’è un disallineamento.

È davvero possibile che, di fronte alla stessa situazione oggettiva, le visioni siano così dicotomiche? Tutto il bene da una parte e tutto il male dall’altra.

 

Se dovessimo dare dei primi suggerimenti, senza entrare nei singoli casi, sarebbero sicuramente i seguenti:

  • Autocritica: prima di analizzare cosa non funziona, hai rivolto a te stesso un’autocritica oggettiva? Siamo pronti a individuare nell’altro le cause di una collaborazione non positiva o dell’assenza di risultati, ma non sempre gli errori sono da ricercarsi in fonti esterne.
  • Confronto diretto: hai avuto un dialogo costruttivo con la persona coinvolta? Spesso ognuno si fa le sue idee sulla base di elementi raccolti di persona o riferiti, mescolando impressioni a dati oggettivi, cose di pancia e cose di testa.

 

Sappiamo che è difficile dire fuori dai denti che non è si è soddisfatti  e non ci si improvvisa nell’arte di comunicare in modo franco e rispettoso il proprio punto di vista.
Certo che anche per il manager è difficile esporre le proprie perplessità su come viene gestito il business, o quel particolare mercato, o quello specifico cliente. È più facile criticare e “sfogarsi ” con terze parti non coinvolte e non in grado nè di verificare nè di intervenire. A nostro avviso serve un costante lavoro di allineamento, fatto nel rispetto dell’altro, in assenza di giudizio e basandosi solo sui fatti e sulle eventuali emozioni che quei fatti ci provocano.
Se le persone in azienda imparassero a confrontarsi e a comunicare in modo corretto, o almeno ad essere consapevoli del problema e iniziare ad affrontarlo, si eviterebbero molte frustrazioni e incomprensioni.

Vi garantiamo che quando si passa dal giudizio alla critica costruttiva la risposta di chi ci sta di fronte cambia in modo totale e positivo. Provateci!

Tutte le news
articoli di interesse

Tutti gli articoli, gli eventi e le novità da Winepeople e Wine Meridian

26 Luglio 2022

Ha ancora senso fare formazione in modalità digital?

Terminate le restrizioni legate alla pandemia, le aziende vitivinicole vogliono ancora fare formazione in modalità digital? Vediamo cosa ne pensano imprenditori e manager del vino. Di Riccardo Bertazzoni
14 Giugno 2022

Le idee vincenti per un enoturismo originale

Grazie alla nostra esperienza abbiamo raccolto le idee più creative che le cantine italiane attuano per far distinguere i propri tour aziendali.

Editoriale di Lavinia Furlani
10 Maggio 2022

ProWein 2022: come prepararsi al meglio?

Atteggiamenti, approcci, abilità “soft” che deve avere un manager per trarre il meglio dall’investimento che l’azienda compie per essere presente con uno stand in una fiera.

Editoriale di Lavinia Furlani
03 Maggio 2022

Affrontare le difficoltà del mercato del vino?

È inevitabile incappare in difficoltà di ogni tipo quando si lavora in ambito vitivinicolo. Ci sono solo tre strade percorribili per risolvere le sfide del mercato; tu quale scegli?

Editoriale di Lavinia Furlani
19 Aprile 2022

Come creare un brand del vino

Creare un brand significa trovare i tuoi fattori differenzianti per evitare di essere percepito come “l’ennesima cantina”.

Editoriale di Lavinia Furlani